domenica 27 aprile 2008

Assassin's Creed: Director's Cut Edition (PC)


Finalmente dopo mesi di attesa anche i possessori dei PC possono provare Assassin’s Creed (titolone uscito per le console next-gen) in una edizione speciale, la Director’s Cut Edition, che comprende 4 nuove modalità di raccolta degli indizi, qualche miglioramento grafico e la possibilità di aiutare alcuni cittadini imprigionati dalle guardie che ,se salvati, ci ricompenseranno con nuovi elementi di mimetizzazione per i nostri incarichi. Altra novità è la raccolta delle molte tipologie di bandiere nascoste e disseminate negli angoli più impensabili delle città. Nel gioco impersoneremo Altair, un assassino che, facente parte di una confraternita con lo scopo di eliminare personaggi alquanto "scomodi" per mantenere la pace, viene degradato a causa di una insubordinazione. Per "rimediare" la confraternita ci commissionerà personaggi chiave da assassinare; per arrivare ad ogni personaggio, però, bisogna esplorare ed indagare per poter raccogliere moltissime informazioni sul nostro bersaglio (es. origliare una conversazione, oppure intimidire un malcapitato fino a farlo parlare ed estorcergli, così, importanti informazioni). Il gioco sembra ricordare Prince of Persia, in quanto il personaggio può scalare pareti, la maggior parte delle superfici, per poi arrivare in cima a palazzi e poter ammirare uno splendido panorama. La nostra avventura si sviluppa tra città egregiamente rappresentate (Damasco, Acri e Gerusalemme) che sono la parte "viva" del gioco in quanto sono piene personaggi secondari e di contorno (es. mendicanti, donne con giare, ecc.) ed in più sono state aggiunte fontane, piazze, mercati... il tutto per far sembrare le città più reali sia dal fattore visivo, sia dal fattore storico. Uno dei punti a sfavore è il sistema di controllo del nostro personaggio che, tramite mouse e tastiera, si rivelano fin da subito poco adatti ed è vivamente consigliato un gamepad. Altro punto "dolente" è il gameplay che, dopo le prime missioni, risulta ripetitivo in quanto una volta assassinato il primo obiettivo bisogna rientrare in base, ottenere le nostre ricompense e ripartire per una nuova missione; nonstante ciò Assassin's Creed riesce ad appassionare e a far provare emozioni. Questa versione PC, si rivela un ottimo porting, e se giocato su PC con componenti hardware odierni si può godere di un dettaglio grafico senza precedenti (condiderando che è pronto per le DX10).
Da notare questo panorama dove si può vedere l'ampiezza dell'area di gioco e la riproduzione della città.

Nessun commento: